Salta al contenuto

I gel energetici migliori per atleti?

I gel energetici sono arrivati sul mercato di massa per la prima volta nel 1988 al Iron Man Hawaii. Il produttore, che prima aveva cercato senza successo di piazzarsi sul mercato di Sud Africa e Inghilterra, ha raggiunto un breve periodo di vendite. Dopo una breve pausa, i gel energetici hanno fatto un grande ritorno negli anni 90 del millennio scorso quando tanta gente era intrigata dalla roba nella "bustina" ovvero la plastica. Se gli atleti famosi, che ottengono risultati mozzafiato, spremono i gel energetici, allora questa roba deve funzionare davvero! Uno degli triatleti fuoriclasse e la prima stella del triathlon, Dave Scott, promuoveva la birra Bud Light e i gel energetici. Durante la gara spremeva i gel e per il recupero beveva la birra.  

I tempi sono cambiati, l'alcol non fa più parte dello sport di alto livello, ma i gel energetici sono restati. Infatti, il loro numero continua ad aumentare. Un milione di produttori differenti, che offrono un milione di ingredienti differenti e vendono un milione di promesse differenti. Cercando l'ingrediente miracoloso, che potrebbe giustificare il prezzo elevato e convincere i clienti che il loro gel è quello di cui hanno bisogno per ottenere i risultati migliori, i produttori spesso "saltano lo squalo", se possiamo permetterci di usare questa frase presa dalla cultura popolare. I produttori difatti credono che non basta più che un gel ci donasse energia senza problemi digestivi. Bisogna cercare la prossima cosa che ora funzionasse davvero in modo speciale.

Cosa deve contenere un ottimo gel energetico?

Una buona fonte di carboidrati! Preferibilmente tale da non causare problemi digestivi. I gel energetici 4Energy hanno caratteristiche isotoniche, poiché 66 ml di gel contengono circa 22 g di carboidrati (88 kcal), di cui 3,2 g sono zuccheri semplici. Alla maltodestrina è aggiunto il fruttosio, che si assorbe tramite il recettore per il fruttosio per massima energia e facile digeribilità. In più, il gel energetico 4Energy non contiene dolcificanti, coloranti e esaltatori di sapidità artificiali, poiché il fruttosio potenzia il sapore naturale del succo. La quantità di addensanti è trascurabile, perciò il gel è anche più liquido e facile da consumare.

Gel energetici 4EnergyI gel energetici 4Energy sono facilmente digeribili e hanno un sapore fantastico, senza dolcificanti, coloranti o esaltatori di sapidità artificiali.

Perché la maltodestrina? La maltodestrina è composta dalle molecole di glucosio, che nonostante la costruzione complessa hanno un indice glicemico estremamente alto. Questo mantiene disponibilità veloce, necessaria al corpo per poter usare una fonte di energia esterna prima di usare il glicogeno. La maltodestrina è meno dolce del glucosio, viene ossidata più velocemente durante l'esercizio e il vantaggio principale è che nonostante l'alta quantità di gel consumati non causa problemi.

Per quelli che richiedono più energia, c'è Nrgy Unit Gel, che fornisce al corpo 40-45 g di carboidrati nella combinazione di maltodestrina e fruttosio nel rapporto 1:0,8, usando al pieno il nostro potenziale di assorbimento. Nrgy Unit Gel contiene anche gli elettroliti nel rapporto che perdiamo col sudore, quindi sale, potassio, magnesio e calcio in forma citrica con alta disponibilità. Un gel è sufficiente a rimpiazzare i minerali in 400 ml di sudore perso. Probabilmente ha senso sottolineare che Nrgy Unit Gel non contiene aromi artificiali. Inoltre, Nrgy Unit Gel risponde al dilemma, gel energetico o bevanda isotonica, poiché fornisce la stessa quantità di energia della bevanda isotonica Nrgy Unit Drink.

Gel energetici Nrgy Unit GelI gel energetici Nrgy Unit Gel contengono 40-45 grammi di carboidrati per gel. 

Ingredienti dei gel energetici che è meglio evitare

Adattogeni - gli adattogeni sono fantastici, il loro effetto si adatta al funzionamento del corpo e hanno tanti effetti positivi, ma comunque secondo noi non dovrebbero essere inclusi nei gel energetici. Perché? Perché devono accumularsi nel corpo in un periodo prolungato! Per questo motivo non hanno nessun effetto sull'allenamento o gara, e non ha neanche senso consumare adattogeni con i gel energetici per un paio di settimane, cercando di ricavarne qualche effetto positivo sulla gara. Forse potremmo dare una parola per la rhodiola, che teoreticamente può aumentare l'energia dopo consumo. Ma comunque non siamo convinti che sia più efficiente come fonte veloce di energia della ben testata caffeina.

Proteine e grassi – sia proteine che grassi hanno bisogno di tanta energia per la digestione, riducono l'assorbimento delle fonti veloci di carboidrati e disturbano lo stomaco. Niente di cui abbiamo bisogno durante uno sforzo atletico. Sarà anche vero che esistono atleti di resistenza che usano grassi MCT come fonte di energia, ma di certo non è cosa che potremmo raccomandare alla persona media.

Dolcificanti artificiali – non è sbagliato consumare cibi che contengono dolcificanti artificiali a volte, ma questo diventa problematico se troppo frequente a lungo termine. I dolcificanti artificiali possono danneggiare la flora intestinale, il che può causare problemi intestinali quando meno ci serve, in tempo di aumentata attività fisica o stress.

Datteri - i datteri sono l'ingrediente principale della cucina mediorientale, dove di solito li mangiano per l'interruzione del digiuno durante le festività religiose come fonte di energia veloce. I datteri sono facilmente digeribili per la maggioranza delle persone, perciò alcuni li usano al posto dei gel energetici. Esistono anche gel energetici che usano datteri come ingrediente. Il problema è che datteri interi sono difficili da masticare e digerire, mentre in forma di gel il problema è la quantità troppo alta di vitamina B che accelera il metabolismo, il che non è controproducente durante attività fisica. Inoltre, i datteri sono ricchi di fibre, che anch'esse accelerano il metabolismo, il che aumenta la possibilità di dover cercare un cespuglio durante la gara. Un altro problema è che il loro indice glicemico è relativamente basso, perciò non sono una fonte di energia adatta per corse brevi.

Melassa – ultimamente molto popolare tra i fornitori di gel "naturali". Il problema con la melassa è che impossibile coprire il suo sapore amaro-dolce, ha struttura difficile e spesso causa problemi digestivi.

Semi di chia – Un altro ingrediente di moda che non ha senso nei gel energetici. In teoria, i semi di chia dovrebbero aiutarci a regolare l'energia, ma in pratica le fibre nei semi influenzano la nostra digestione, specialmente in combinazione con gli amminoacidi naturalmente presenti.

Sciroppo di glucosio-fruttosio – infine siamo arrivati al delinquente più comune nei gel energetici. Lo sciroppo di glucosio-fruttosio può aumentare la voglia di consumare calorie aggiuntive, causa problemi digestivi, influenza il fegato grasso, aumenta la possibilità di diabete di tipo 2 e causa infiammazioni nel corpo. Non è un problema ingerire un gel di qualità inferiore con lo sciroppo di glucosio-fruttosio qua e là, ma è sconsigliato farne un'abitudine.

Read more.
articolo precedente Cosa mangiare prima e dopo l'allenamento - Scopri Nduranz
articolo successivo Innamorarsi di trail running

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

* Campi obbligatori